- TERMOGAS dei F.lli Piccinno s.n.c.

Vai ai contenuti

Menu principale:



















Il sole è costituito da una grande massa incandescente il cui volume è circa 1 miliardo di volte superiore a quello della terra e con temperature che possono raggiungere i 5.507°C.
La superficie della massa solare, dunque, emette su tutta la superficie terrestre e in modo pressoché costante, radiazioni elettromagnetiche la cui potenza è pari a circa 50 milioni di gigawatt (GW). Una potenza davvero impressionante! Grazie all’atmosfera, ed ai suoi “filtri”, tale potenza scende nelle nostre zone, per ogni mq di superficie, a circa 1.250 kW.
Tra le tecnologie che meglio riescono a sfruttare l’energia solare, possiamo annoverare sicuramente i sistemi fotovoltaici, che furono prodotti su scala commerciale, per la prima volta, dalla giapponese SHARP nel 1963.
E’ indubbio che, attualmente, questa  sia l’unica tecnologia (insieme ai sistemi eolici e agli impianti a concentrazione solare) che in futuro ci potrà permettere un’autonomia energetica pulita in alternativa alle fonti fossili attualmente diffuse su larga scala.
I sistemi fotovoltaici, negli ultimi anni, hanno avuto un incremento vertiginoso soprattutto grazie agli incentivi statali elargiti, per 20 anni ma ora sensibilmente ridotti, dal Gestore dei Servizi Elettrici.
Ma i benefici di un impianto fotovoltaico non si limitano solo alla riscossione degli incentivi statali. Infatti, tutta la quantità di energia prodotta, potrà essere utilizzata dall’utente senza prelevare ulteriore energia elettrica dalla rete (ovvero è energia elettrica gratuita perché autoprodotta). Solo nel momento in cui, le utenze in esercizio, richiederanno un quantitativo di energia elettrica superiore a quella prodotta, allora la restante parte necessaria verrà prelevata dalla rete. Ed è proprio questo “bilancio energetico” che permette un risparmio in bolletta pari a circa il 70%, inclusa la libertà di utilizzare gli elettrodomestici (come lavatrice, lavastoviglie, forno elettrico ecc.) in pieno giorno, quando l’impianto fotovoltaico è al massimo della sua produzione.
Alla fine di ogni semestre, quindi, alla luce di questo “bilancio energetico”, il fornitore di energia elettrica conguaglierà la differenza (in positivo o in negativo) di quanto consumato o prodotto in eccesso. L’insieme di tutto quanto sopra descritto è regolamentato dall’attuale Quinto Conto Energia in vigore.
Al ventesimo anno di esercizio, allo scadere degli incentivi statali, l’impianto fotovoltaico continuerà a produrre energia elettrica all’85% della sua potenza per almeno altri 8-10 anni. Investire oggi in fotovoltaico significa, soprattutto, avere uno strumento in grado di contrastare il continuo aumento del costo dell’energia, contribuire concretamente alla riduzione di emissioni di CO2 in atmosfera oltre ad aumentare il valore di mercato del proprio immobile.



 
TERMOGAS Copyright 2016. All rights reserved.
Torna ai contenuti | Torna al menu